LA CRESCITA DEI VEICOLI IBRIDI È SEMPRE PIÙ RILEVANTE NELLE FLOTTE AZIENDALI

10 settembre 2019

La terza edizione della survey sullo stato dell’arte della mobilità elettrica nelle flotte aziendali ha scelto il palcoscenico della manifestazione per presentare i dati di quest’anno.

Milano, 25 – 26 settembre 2019 - Mobilità alla Spina, la Survery dedicata alla mobilità elettrica nelle flotte aziendali – realizzata dal 2016 da Fleet Magazine con il patrocinio dell’Osservatorio Top Thousand - ha scelto il palcoscenico di THAT’S MOBILITY, l’evento dedicato alla mobilità elettrica che si svolge dal 25 al 26 settembre al MICO, Centro Congressi di Fiera Milano, per la presentazione della release 2019. Presentazione che si svolgerà il 26 settembre alle ore 17,00 durante il convegno “I risultati delle indagini Business e Consumer: gli italiani alle prese con la Mobilità Elettrica” nel corso del quale sarà presentata anche la ricerca Start City! rivolta a conoscere il rapporto fra mobilità sostenibile e il consumatore finale.

“Siamo molto contenti di questa nuova collaborazione che potrà dare un rilevante contributo alla nostra manifestazione - dichiara Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia – in quanto offrirà alla platea di operatori professionali e aziende del settore presenti, uno strumento in più per comprendere lo sviluppo di uno dei comparti più importanti della mobilità elettrica nel nostro paese”.

“Tra le aziende l'interesse per l'auto elettrica è già vivo da tempo - continua Marco Castelli, caporedattore di Fleet Magazine - sarà per una questione di immagine, sarà perché abbassare le emissioni del parco veicoli è un obiettivo diventato necessario, fatto sta che l’e-mobility è già entrata nel vocabolario comune e quotidiana dei Fleet Manager. Il punto focale è cercare di capire in che modo e con quale velocità lo stato dell’arte si stia evolvendo. Ed è per questo che, a partire dal 2016, noi abbiamo avviato questa survey. Una sorta di Osservatorio sull’auto elettrica, sull’auto ibrida e, in generale, sulle alimentazioni, che ha coinvolto 100 Fleet Manager, con un parco totale gestito di oltre 85mila veicoli, e che ci ha dato una visione su cosa pensano le aziende dell’auto elettrica e dell’auto ibrida, su come sta cambiando la situazione anno dopo anno, e sul futuro”.

In generale, da Mobilità alla Spina 2019, appare chiaro il trend dell’ibrido che è balzato dal 2,3% del 2018 al 5,5% del 2019: infatti la piccola quota della flotta sottratta al diesel (-3%) si è già trasformata in particolare in HEV (full, plug-in o mild). Complice, probabilmente, anche la maggiore offerta delle Case e il tentativo dei provider di servizi di noleggio di correggere il mix in previsione delle future dinamiche dell’usato, nella “grande flotta” dell’indagine le alimentazioni alternative al gasolio - cioè elettrico, ibrido e benzina - crescono nelle loro percentuali relative, anche se il diesel mantiene salda la sua leadership.

Entrando nel dettaglio dei dati più significativi, l’introduzione di normative ristrettive a livello regionale e comunale hanno spinto alcune aziende a diminuire, seppur leggermente, nella loro flotta la quota di gasolio, a favore delle alimentazioni ibride e a benzina, mentre le EV, elettriche pure, rimangono stabili (1,5%). Il GPL scompare, anche perché si riduce l’offerta dei brand, mentre raddoppia il metano (dall’0,7% del 2018 all’1,5% del 2019) benché i numeri siano ancora bassi in assoluto. Per quanto riguarda gli Electric Vehicle è chiaro che il potenziamento delle batterie e il conseguente aumento di autonomia hanno portato ad un maggiore utilizzo di questo tipo di veicolo nelle flotte in fringe benefit, dal 17% al 27%; è con il segno più anche la percentuale di utilizzo dei veicoli elettrici puri fuori città, passando dal 32% al 53%.

La survey ha analizzato poi, la possibilità di incrementare l’inserimento nelle flotte aziendali dei veicoli elettrici nell’arco del prossimo anno, il 22% dei Fleet Manager ha risposto in senso positivo, contro il 10% dello scorso anno, così come è in crescita anche l’inserimento di veicoli elettrici da parte di coloro che non li hanno ancora in flotta, che passa da un 15% del 2018 al 22% del 2019, in ogni caso rimane ancora alta la percentuale di chi non sa ancora rispondere.

Da questi primi dati appare evidente un interesse crescente verso i veicoli elettrici anche se la percezione dei vantaggi, quali ridotte emissioni, l’ingresso libero nelle zone a traffico limitato, la responsabilità sociale d’impresa, risparmio di manutenzione etc, si vanno a confrontare con limiti quali l’autonomia, la rete delle infrastrutture, i tempi di ricarica, la scarsa conoscenza dei prodotti, un mercato attento ma non ancora pronto per un cambio totale di abitudini.

Mobilità alla Spina ha dedicato una sezione particolare al mercato dell’ibrido, dove il Full-Hybrid risulta più diffuso del PLUG-IN Hybrid, passando, nell’arco di questo anno, da 62% all’84%. Nella survey non poteva mancare un focus sulle colonnine di ricarica in azienda, dal quale risulta una crescita del 10% per l’installazione.

I dati aggregati di Mobilità alla Spina saranno presentati a THAT’S MOBILITY il 26 settembre alle ore 17,00 nel convegno “I risultati delle indagini Business e Consumer: gli italiani alle prese con la Mobilità Elettrica”.